Non è stata la pioggia a spengere l’entusiasmo degli abitanti di Passignano sul Trasimeno anche se, avendo reso il terreno scivoloso, non ha permesso di effettuare la simulazione della corsa ai barcaioli del rione Oliveto prevista lunedì 24 luglio nel pomeriggio nell’ambito del programma della 34esima edizione del Palio delle Barche organizzato dall’ente omonimo. La kermesse andrà avanti tra rievocazioni, musica, cibo e spettacoli fino a domenica 30, giorno in cui i quattro rioni del paese oltre a Oliveto, Centro storico, Centro nuovo o Centro due e San Donato, per un totale di 262 persone partecipanti (63 per ciascun rione), si contenderanno il Palio nella sfida finale.

“Il Palio – ha spiegato il sindaco di Passignano sul Trasimeno Ermanno Rossi – rievoca l’episodio storico del 1495, la guerra tra gli Oddi signori del castello e i Baglioni da Perugia aiutati dai Della Corgna di Castiglione del Lago. Su questa rievocazione storica stiamo avendo un grande successo”. La giornata di lunedì 25 luglio è stata contraddistinta da un doppio appuntamento: la consegna del premio ‘Perla del Trasimeno’ a Fabrizio Ravanelli, residente proprio in questo borgo lacustre, e lo spettacolare Incendio al castello. “Un premio per me importantissimo – ha commentato Ravanelli – e sono molto contento di riceverlo. Ringrazio il sindaco ed Eugenio Rondini (ndr. vicesindaco). Sono stati molto gentili a scegliere la mia persona e ne sono veramente orgoglioso. Adesso poi che ho preso la residenza qui a Passignano mi fa un immenso piacere. Lo metterò nella bacheca insieme a tutti gli altri premi che ho avuto la fortuna di ricevere e lo porterò con me tutta la vita”. A seguire, lo spettacolo pirotecnico musicato, unico nel suo genere, accompagnato da voce narrante che ha raccontato l’episodio legato alla sanguinosa guerra a cui è ispirata la rievocazione storica.

dove dormire in zona:

dove mangiare in zona: